Alagna Valsesia Trekking: numerosi sentieri da scoprire.

Alagna-Valsesia la punta di un iceberg di numerose valli e sentieri da scoprire.

Escursioni ad Alagna

La chiesa di Alagna, una tipica “impronta” Walser

Alagna Valsesia è un bellissimo paese Walser della provincia di Vercelli. Nel 1400 un popolo dell’Europa centrale arrivò in Valsesia e si insediò nei territori limitrofi al massiccio del Monte Rosa cercando nuovi luoghi per i loro pascoli di bestiame e terre da sfruttare.

Oggi Alagna conta meno di 500 abitanti e risulta un paese molto caratteristico. L’influenza Walser permane da tempo e anche le costruzioni moderne rispecchiano l’antica cultura. Il paese è molto curato qui si cerca di mantenere un’identità che rifletta le origini antiche. Qui in alta Valsesia si possono apprezzare bellissime case in stile antico caratterizzate da fondamenta e piano terra in pietra e i piani superiori costituiti interamente da legno. Queste abitazioni trasmettono calore e accoglienza alla sola vista, esse fanno subito pensare che la montagna offra tutto ciò che serve per vivere in maniera ottimale, dando l’opportunità di diventare  parte dell’ambiente stesso: la pietra viene estratta dalla montagna, il legno arriva invece dagli innumerevoli larici presenti in ogni dove. E’ ovvio che tutti questi elementi non sono regalati ma sono il risultato di tante energie impiegate per trasformare le materie prime in forma fruibile per autoprodurre tutto ciò che serve.

Alagna è il cuore dell’alta Valsesia e con il tempo ha avuto la lungimiranza di creare uno dei maggiori centri sciistici del piemonte sfruttando i pendii del lato meridionale del Monte Rosa. Nella stagione invernale il piccolo paesino ogni week end è preso d’assalto dagli sciatori più pretenziosi, il complesso di impianti collega le tre straordinarie valli situate ai piedi del Monte Rosa (versante sud): Valsesia, Valle del Lys (Gressoney) e Val d’Ayas (Champoluc).

In estate invece risulta un importante punto di partenza per intraprendere innumerevoli gite alpinistiche di alta montagna, il massiccio del Rosa offre tantissime attività “outdoor”.

Alagna si rivela anche la punta di un iceberg di molte valli e sentieri per gli escursionisti che vogliono soddisfare il loro bisogno di scoperta. Da Alagna si ha la possibilità di addentrarsi in numerose piccole valli laterali che di seguito cercherò di elencare partendo da quella più a sud e andando in senso orario guardando la cartina (approfondirò le informazioni delle singole valli in articoli a sè stanti che seguiranno):

 

Val Vogna, (rifugio Ospizio Sottile, Rif. Carestia). Bellissima valle sopra il paese di Riva Valdobbia (un paio di km prima di Alagna). Costeggiando il torrente Vogna è possibile incamminarsi verso numerosi alpeggi, inoltre da questa valle è anche possibile salire al Corno Bianco un’importante montagna della Valsesia alta 3320 metri.

 

Val d’Otro  (rifugio Zar Senni), rimane poco più a nord rispetto al Val Vogna, si trova sempre sul lato destro orografico del fiume Sesia e  raggiungibile salendo i ripidi pendii che si trovano appena prima di giungere nel centro di Alagna. Un punto di interesse sul sentiero che porta in Val d’Otro sono sicuramente le miniere di manganese, un minerale affiorante dal quale si estraeva l’acciaio.

 

Val d’Olen (rifugio Grande Halte città di Mortara), è l’altra valle che troviamo sempre più verso nord. Questa valle è costituita dai pendii che che durante l’inverno, colmandosi di neve, danno vita a lunghe piste da sci. D’estate si trovano principalmente numerosi pascoli e veri e propri cespugli di fiori colorati che incorniciano il vasto ambiente verdeggiante. In questa valle troviamo il rif. Grande Halte e salendo si può proseguire eventualente al passo Salati (2936), al passo Zube (2874m), al Col d’Olen (2895m) e alla bocchetta delle Pisse (2396m).

 

Vallone di Bors (Rif. Crespi Calderini), una selvaggia valle che alla sua base è costituita da un’estesa piana che a monte si interrompe de alte pareti rocciose e soprattutto dalla caratteristica cascata delle Pisse. La vastità di questa piana e il silenzio di questo posto lo rende un fantastico terreno d’avventura.

 

Valle delle sorgenti del Sesia (rif. Barba Ferrero), ho identificato questa zona con nome non ufficiale. Si tratta del cuore del Parco Naturale dell’Alta Valsesia, dove le nevi perenni lasciano spazio ai pendii erbosi e all’attività principalmente estiva dove troviamo appunto le sorgenti del fiume che denomina la stretta e lunga valle di un fiume, il Sesia, che solca il terreno partendo dal Monte Rosa fino a giungere alla pianura pavese dove conclude il suo tragitto immettendosi nel Po. NB: Una tappa sicuramente da non perdere è il rif. Barba Ferrero, caratterizzato oltre che da un bellissimo territorio circostante anche da un’ottima cucina tipica. Ci troviamo in alta montagna ma la location è molto ben accessibile e molto frequentata.

 

Valle dell’Acqua Bianca (Bivacco Lanti), qui scorre appunto il rio Acqua Bianca. E’ un valle accessibile facilmente sia dall’Alpe Pile che dal parcheggio dell’Acqua Bianca appunto. Essa condivide la valle precedente nel territorio dell’anfiteatro montuoso formato dalla parete sud del Monte Rosa, questa valle si sviluppa più verso est e collega la Valsesia con la Valle Anzasca (Macugnaga) attraverso la val Quarazza. Non ho avuto modo di esplorare il sentiero che porta al passo del Turlo (2738m) ma sono sicuro che lunga salita (i metri di dislivello da percorrere per raggiungerlo stavolta aumentano un pochino) sia di straordinaria soddisfazione.

 

Valle di Mud (Rif. Ferioli), ultima meta di questa veloce panoramica è la valle che accoglie il Corno omonimo (Corno di Mud 2802 m) e il Monte Tagliaferro, i due “pilastri” che vigilano tra Valsesia e Valsermenza.  Su questo lato della Valsesia, è possibile esplorare le meraviglie già descritte in precedenza in questo mio articolo: Monte Tagliaferro, Alpe Sattal, Alpe Campo.

Rifugio Ferioli (2264 mt)
Un’alba dal Rifugio Ferioli: inconfondibile la sagoma del Monte Tagliaferro, mentre il sole sembra che stia letteralmente sorgendo dal colle di Mud. (foto di Silvia)

Informazione utile per i vostri soggiorni ad Alagna: un posto super-consigliabile è il B&B gestito da Laura e Loris: L’aria di casa.

Rimanete collegati: a breve pubblicherò alcune indicazioni maggiormente dettagliate relative alle varie possibilità escursionistiche che le valli sopraelencate offrono…. a presto con Kalipé

——> NB: TRA POCO IL BLOG SI SPOSTERA’ ALL’INDIRIZZO WWW.KALIPEONTOP.IT

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Kalipé ha detto:

    stay tuned!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *