Consigli per il Trekking

L’andare in montagna, al di là che possa apparire come un attività ludica e ricreativa in realtà risulta, al contrario, una pratica estremamente seria che richiede competenze, capacità e preparazione.

Spesso ci si ancora al concetto di sicurezza, parola che in realtà nel contesto dell’ambiente montano esprime una nozione un po’ astratta! La sua letterale definizione risulta come: “Condizione che rende e fa sentire di essere esente da pericoli”, una condizione che oggettivamente scompare non appena varchiamo la porta di casa, figuriamoci in montagna…

Assumere quindi un’atteggiamento dove ci si sente esenti da pericoli è controproducente, si rischia di sottovalutare qualsiasi cosa. E’ bene dunque acquisire un’impostazione mentale rivolta ad una dettagliata analisi dei RISCHI e dei PERICOLI che si potrebbero verificare tenendo ben presente che non esiste la condizione di totale sicurezza.

Quando programmiamo qualsiasi gita cerchiamo così di concentrarci quindi ad elencare tutte le circostanze o situazioni, che potrebbero provocare un grave danno indipendenti dalla nostra presenza o meno: producendo così un’analisi oggettiva del PERICOLO oltre a cercare gli effetti che tali pericoli possano generare in questo caso invece dipendentemente dalla nostra presenza: i RISCHI appunto.

E’ importante osservare inoltre che la differenza sostanziale ed evidente delle abitudini e i comportamenti che siamo abituati ad assumere quotidianamente in città o nei luoghi in cui solitamente viviamo, non ricalcano per niente quelle che in montagna sono invece necessarie, dunque quando ci dirigiamo in montagna facciamo attenzione a lasciare a casa elementi che con la natura e l’armonia con essa non hanno niente a che vedere come: Fretta – Frenesia – Premura – Caos – Rumore-Superficialità, ma muniamoci di elementi che risultano sostanzialmente l’opposto dei sostantivi appena accennati, per esempio: Calma – Condivisione – Lentezza – Osservazione- attenzione– scrupolosità.

Non sopprimiamo gli istinti ma seguiamo la ragione!

Rispondi